Eventi

600 anni dopo, sulle note di Aquileia

L’anno nuovo è appena iniziato e noi de L’oppure siamo pronti! Vi aspettiamo venerdì 8 gennaio alle ore 20:45 per una serata dedicata al 600°

Radici nel tempo

La cicogna che sconfisse l’aquila

Un terrore nero attanagliò i cuori degli abitanti di Aquileia quando, nel 452 d.C., videro arrivare le armate unne sotto le loro mura. Attila, il

Radici nel tempo

Da Giulio Cesare all’UNESCO: storia di Cividale del Friuli

Forum Iulii, Foro di Giulio: nome di una città che poi si sarebbe esteso ad indicare un’intera regione. Così era nota Cividale del Friuli, tra

Radici nel tempo

Il fiume Isonzo: la leggenda e la storia

Il fiume Isonzo, in antichità chiamato dapprima Aesontus e poi Sontius, è la cornice naturale che ha fatto da sfondo ad innumerevoli avvenimenti storici nel Friuli Venezia Giulia, partendo dall’epoca romana

Radici nel tempo

Quando i Romani fondarono Moggio Udinese

A pochi chilometri da Klangenfurt si trova Magdalensberg, il più grande e più importante parco archeologico d’Austria, in corrispondenza dell’antico insediamento romano di Virunum. Situato

Radici nel tempo

Figia de Quileia e mare de Venessia. La storia di Grado

Città lagunare, nata da Aquileia e i cui abitanti diedero origine a Venezia, Grado, durante i secoli, si alterna tra momenti di successo e momenti

Radici nel tempo

Il primo confine

“Regione di frontiera” è una definizione che effettivamente ha una sua ragion d’essere per quanto riguarda il Friuli- Venezia Giulia. Cerniera tra il mondo mediterraneo e

Radici nel tempo

Marco Aurelio, Ballomar e Aquileia: il gioco delle tre carte

Tra il 168 e il 170 d.C. l’intrecciarsi di vicende apparentemente distanti tra loro farà dipendere il destino dell’Impero Romano da un unico municipium: Aquileia.

Radici nel tempo

Usque ad finem

Era un umile pastore nato in Tracia nel 173 d.C., probabilmente di stirpe gota, privo della cittadinanza romana. Fu il primo nato barbaro ad assurgere

L'oppure

Aquileia: capoluogo dell’archeologia

Tra il 28 e il 29 aprile la Società Friulana di Archeologia, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Udine, ha ospitato