Un gioiello dell’architettura sacra udinese sarà riaperto entro breve: si tratta della Cappella Manin di via dei Torriani. Questa cappella barocca, chiusa, se non su appuntamento, da diversi anni, è stata fatta costruire dalla famiglia Manin tra gli anni ’20 e ’30 del XVIII secolo nelle vicinanze del proprio palazzo di famiglia, di fronte alla cappella, oggi conosciuto come palazzo Torriani e sede della Confindustria di Udine.

La piccola chiesa, dedicata a Santa Maria dell’Umiltà, è di pianta esagonale con un’abside semicircolare e una copertura a cupola che regge una lanterna. Probabilmente realizzato su disegno di Domenico Rossi, lo stesso che progettò la ristrutturazione del Duomo di Udine,  l’edificio presenta una facciata maestosa che introduce a un interno barocco in cui le pareti interne sono decorate con grandi rilievi, eseguiti tra il 1729 e il 1733 da Giuseppe Torretti, il maestro di Antonio Canova; tali rilievi illustrano diversi importanti episodi della vita di Maria; sull’altare maggiore troneggia la Madonna col Bambino, sempre del Torretti. Il pavimento, invece, è ricoperto di marmi policromi e si estende sulle paraste, corre lungo la cornice marcapiano ai piedi della cupola e fa da tappeto ai gradini dell’altare maggiore.

La famiglia Manin, che facendo costruire la cappella le ha dato il proprio nome, ha lasciato grandi tracce in quella parte di secolo nell’architettura udinese: è la stessa, infatti, che attuò la ristrutturazione settecentesca del Duomo della città, al fine di potervi seppellire un suo illustre membro, Ludovico I (1587-1659), che aveva disposto di essere seppellito proprio nel Duomo del capoluogo friulano. Tale famiglia sarà, poi, l’ultima a mettere un suo membro a capo della Serenissima: il celeberrimo Ludovico IV (1725-1802), che abdicherà di fronte all’arrivo delle truppe napoleoniche il 12 maggio 1797.

La Cappella Manin, aperta negli ultimi anni solo su appuntamento e in passato sede di matrimoni, verrà riaperta regolarmente, una volta alla settimana, il sabato pomeriggio, per volontà della Giunta comunale di Udine su spinta del Touring Club nella sua sezione di Udine, come auspicato anche dal FAI, che aveva posto l’edificio barocco tra i suoi Luoghi del Cuore.


Immagine in evidenza tratta da https://www.flickr.com/photos/zacke82/5863345263/

Condividi: