Gemona: cuore del Friuli fino all’Estremo Oriente – Terza parte

Condividi

Lo sviluppo economico di una città ne comporta anche lo sviluppo di abitudini non sempre pie. L’aumentare della pecunia nelle saccocce dei gemonesi portò loro a dedicarsi ad attività meno lecite e onorevoli delle precedenti di cui vi ho parlato. Tuttavia, questo genere di cose accade ovunque nel mondo intero, per cui è inutile soffermarci granché sui vizi su cui si gettano le persone una volta ottenuta un’abbondante (o anche no) disponibilità economica. Basti sapere che una delle attività che più presero piede in epoca medievale fu il gioco d’azzardo. Ciò che è davvero interessante da raccontare è la storia della maga Tarsilia, di cui si dice che fosse in grado, utilizzando la corda di un impiccato, di far smettere le persone di giocare.

Un metodo a dir poco bizzarro, ma quale maga non lo è? Inoltre, a quanto pare, Tarsilia possedeva veramente qualche strano potere, dato che le sue stregonerie si dice che avessero un enorme successo. Tra le gesta della maga possiamo nominare la capacità di far riconciliare, tramite l’ingestione di piante di rose, coppie separate, famiglie distrutte, rapporti spezzati. Niente che un amico o un parente non possa fare tramite dei buoni consigli, voi direte, ma Tarsilia era anche in grado di far ritrovare oggetti smarriti, persino soldi. Le sue doti erano ammirate da Gemona a Cividale, dove ormai era diventata un personaggio piuttosto famoso.

Purtroppo fu proprio la sua fama a condannarla. L’importanza di Tarsilia nella comunità era ormai diventata troppo altisonante per non attirare l’interesse della Santa Chiesa. Morale della favola? Tarsilia è forse una delle poche streghe della storia a non essere bruciata sul rogo! Una volta convocata dal Tribunale dell’Inquisizione, infatti, fu condannata “solamente” all’esilio, ma arricchito da un tipico monito ecclesiastico: fu scortata fino alla porta della città e ricoperta di frustate da due “giannizzeri d’elite” scelti apposta per l’occasione, uno proveniente da Gorizia e uno da Portogruaro.

Dal Cinquecento in poi il mondo occidentale e quello orientale cominciarono ad instaurare rapporti commerciali estremamente consistenti e redditizi. Le merci orientali erano molto rare in Europa e il mercato era fiorente e fonte di immensi guadagni e ricchezze per ambo le realtà economiche. Gli scambi, però, rimasero a lungo puramente commerciali, dettati da un interesse materiale, legato al denaro. Non esistevano contatti tra le due culture da un punto di vista sociale, politico, diplomatico e culturale. Dopotutto la cultura orientale, in particolare quella cinese, era già da allora considerata tra le più vaste ed antiche del pianeta.

Fra Basilio Brollo di Gemona si trovò nel porto di Venezia a dover prendere una decisione importantissima: partire per la Cina oppure no? La risposta fu scontata ed immediata. Il suo compito era quello di portare la parola del Vangelo nell’Estremo Oriente, ma non è questo il motivo per cui io voglio parlarvi di lui. Dopo anni di viaggio, passando anche per le famose città di Shanghai e Pechino, fra Basilio si trovò nella città di Sian, nel cuore della Cina, dove visse per oltre vent’anni, fino alla sua morte.

Oltre a portare a compimento la sua missione di divulgazione del verbo ecclesiastico, Basilio ebbe modo di studiare in maniera assai approfondita e di tradurre la letteratura cinese, i suoi vocaboli, i suoi caratteri, e decise così di realizzare quello che è tuttora considerato il primo dizionario cinese-latino della Storia. Questo manufatto di inestimabile valore divenne ben presto lo strumento più importante che portò all’avvicinamento della cultura europea a quella cinese. Esso veniva usato non solamente da religiosi e missionari, ma anche da diplomatici, studiosi e grossi commercianti. Nonostante questo il dizionario rimaneva un prodotto assolutamente elitario, a cui pochissimi eletti avevano accesso. Ad intuire l’importanza di una stampa più consistente dell’opera fu nientemeno che Napoleone Bonaparte in persona, che ordinò di tradurlo in francese e di stamparlo. Possiamo dunque dire che fu Fra Basilio Brollo da Gemona a rompere il ghiaccio con quella che era considerata una misteriosa e quasi leggendaria civiltà.

« …Dio ci guardi l’arrivare ad un convito in China, è un piciolo purgatorio … »

 

(Photo by: https://www.youtube.com/watch?v=JhgtF4HfZfU)

 

Gemona: cuore del Friuli fino all’Estremo Oriente – Prima parte
Gemona: cuore del Friuli fino all’Estremo Oriente – Seconda parte

I contenuti di questo sito sono realizzati da studenti e giovani appassionati del proprio territorio. Questo progetto non persegue nessuno scopo di lucro. Pertanto se sono presenti errori o imprecisioni vi preghiamo di contattarci: qualsiasi feedback ci è utile per migliorare. I contenuti testuali sono di proprietà dell'Associazione "L'oppure", ad eccezione delle citazioni o delle trascrizioni di testi altrui. Chi intenda utilizzarli per scopi non commerciali può farlo citando come fonte l'Associazione "L'oppure". Qualora si voglia riprodurli per scopi commerciali, vi preghiamo di contattarci alla mail info@loppure.it.