Pensieri tra le pagine

“Chiamami col tuo nome e io ti chiamerò col mio”

Elio, giovane diciassettenne, appassionato lettore e abile pianista, ama la musica con tutto se stesso, dedicando buona parte delle sue giornate alla trascrizione di brani

Pensieri tra le pagine

Invecchiare dove non c’è tempo

Una volta ho visto una donna ballare da Ike’s, il bar in fondo a Miller Street. Aveva i capelli rossi e le lentiggini accennate oltre

Pensieri tra le pagine

Rebecca la prima moglie – Daphne du Maurier

Costa Azzurra, Montecarlo, seconda metà del XIX secolo. Una giovane fanciulla, dama di compagnia di una ricca – e snob – signora, conosce un affascinante

Pensieri tra le pagine

Il mio nemico mortale – Willa Cather

Conosci quella poesia di Heine, in cui racconta di aver trovato una lacrima nell’occhio, una vecchia lacrima, rimasta lì da chissà quanto? Una lacrima che

Pensieri tra le pagine

L’opera imperfetta – Raffaella Cargnelutti

È il 1511, siamo a Tolmezzo, ed è una brutta notte per Zuane. L’uomo continua a girarsi e rigirarsi nel letto, senza prendere sonno. Forse

Pensieri tra le pagine

“Le nostre anime di notte”

Se una sera decideste di fare qualcosa di diverso, chi chiamereste? Dove andreste? Cosa fareste? In ogni caso, “Le nostre anime di notte” di Kent Haruf

Pensieri tra le pagine

Metti via quel cellulare

Siamo bionici. È questo che ci rivela Cazzullo, l’editorialista e inviato del Corriere della Sera, “…grazie a una protesi che custodisce la nostra memoria e

Pensieri tra le pagine

Biglietti agli amici e le poesie di Tondelli

A volte capita di domandarsi come mai certi autori di romanzi (scrittori come Jack Kerouac, John Fante…) non abbiano mai pubblicato almeno una raccolta di poesie:

Pensieri tra le pagine

Crescere, che palle!

Sarah Andersen è una giovane artista ventenne di New York. Così la quarta di copertina descrive l’autrice, continuando con “E questo non è un libro

Pensieri tra le pagine

Io e te – un’altra storia d’amore

Erano due settimane fa quando ti invitai a cena e arrivasti in ritardo. Ed inciampasti sul tappeto sull’uscio della porta – quasi come diceva Nietzsche: