Ribolla gialla: la storia di un vino di confine

Condividi

Nella parte orientale del Friuli si trova il Collio, una zona collinare a ridosso del confine tra Italia e Slovenia. Qui, l’uomo, ha trovato il terroir ideale per la Ribolla gialla, un vitigno autoctono che da secoli è coltivato nelle provincie di Gorizia, Udine, nelle colline slovene della “Goriska Brda” e, in passato, a Trieste e in Istria. 

Gli antenati di questo vitigno sembrano essere l’uva Avola, importata dai romani durante la loro dominazione in terra friulana, oppure l’uva Robola, originaria delle isole Ionie e della Dalmazia,  diffusa dai veneziani durante il periodo della Serenissima. 

Quello che è certo è che questo vitigno è coltivato in questo territorio dal 1299, anno in cui è datato il primo documento, ovvero un contratto di compravendita, nel quale viene citata la Ribolla gialla.

Per più di cinquecento anni il vino ottenuto è stato uno dei più importanti del Friuli, tanto che veniva offerto in dono alle personalità illustri, fama che iniziò a calare verso la fine del 1800 quando venne abbandonato e, infine, nel 1900 l’interesse si spostò verso altri vitigni, tra i quali il Friulano, il Pinot grigio e il Sauvignon. 

Così, uno dei vitigni storici di questo territorio è stato messo in sordina per più di cento anni, fino a quando i viticoltori hanno riscoperto le caratteristiche di questo vitigno, in particolare l’acidità molto elevata, che lo rendono estremamente duttile e capace di esprimersi attraverso diverse tecniche di produzione. Dalla “classica” vinificazione in bianco, il cui risultato è un vino di color giallo paglierino, fresco e fruttato, alla spumantizzazione, sia Martinotti che Champenoise, per concludere con le lunghe macerazioni sulle bucce, che a volte si protraggono anche per tre mesi, attraverso un processo produttivo che è molto simile a quello che si utilizza per le uve a bacca rossa, che porta a ottenere un vino di color giallo aranciato, caratterizzato dalla presenza leggera di tannini, pur mantenendo le note fruttate e la freschezza tipiche di questo vitigno. 

Diverse sfumature di Ribolla che rendono questo vino il compagno ideale per le ricette di queste zone di confine, in cui la cultura grastronomica è frutto dell’incontro di diverse influenze e tradizioni.

Foto da: www.fieglvini.com

I contenuti di questo sito sono realizzati da studenti e giovani appassionati del proprio territorio. Questo progetto non persegue nessuno scopo di lucro. Pertanto se sono presenti errori o imprecisioni vi preghiamo di contattarci: qualsiasi feedback ci è utile per migliorare. I contenuti testuali sono di proprietà dell'Associazione "L'oppure", ad eccezione delle citazioni o delle trascrizioni di testi altrui. Chi intenda utilizzarli per scopi non commerciali può farlo citando come fonte l'Associazione "L'oppure". Qualora si voglia riprodurli per scopi commerciali, vi preghiamo di contattarci alla mail info@loppure.it.