Alla scoperta di Erice: tra storia e poesia

Condividi

Luogo affascinante ed antico, Erice è un piccolo borgo della Sicilia occidentale. Dall’alto del monte omonimo, osserva possente e umile i gioielli delle proprie terre: le Isole Egadi. Nonostante le molte persone, che ogni giorno passeggiano per le sue vie, il paesino arroccato mantiene l’atmosfera arcaica degna delle proprie origini: secondo la mitologia, Erice fu fondata dal gigante Eryx (dal quale la città prende il nome), re degli Elimi, popolo nato dall’unione tra gli esuli troiani e la popolazione autoctona. In cima al monte venne eretto un tempio in onore di Afrodite, dea della fecondità e protettrice dei naviganti. I marinai venivano attratti dalle luci delle fiaccole che, giorno e notte, illuminavano il santuario e, durante il rito delle colombe, si accompagnavano alle vestali votate alla dea: le colombe erano considerate sacre e venivano custodite e protette all’interno del tempio; in agosto, la loro liberazione sanciva l’inizio dei riti propiziatori per l’agricoltura che duravano fino al loro ritorno. Già noto dal V secolo a.C., il culto si è trasformato seguendo la successione dei popoli abitanti Erice: i Fenici adoravano Astarte, i Cartaginesi Tanit, ma, infine, furono i Romani a reintrodurre e diffondere il rito in tutto il Mediterraneo, riedificando il tempio in onore di Venere Erycina.

L’aspetto odierno è quello di un borgo medievale, ma le architetture presentano gli elementi caratteristici dell’arte araba, normanna e spagnola. Girovagando per i ciottoli grigiastri ci si trova immersi in un tempo antico, in equilibrio tra epoche diverse. Grazie all’opera di valorizzazione che ha interessato il patrimonio storico-artistico negli ultimi anni i turisti possono passeggiare seguendo specifici itinerari. Nel 313 d.C., con l’editto di Costantino, Erice divenne cristiana ed è tutt’oggi chiamata “città delle cento chiese”. Infatti, uno dei percorsi è dedicato proprio a santuari e conventi: la renosa Chiesa Madre, consacrata a Santa Maria Assunta, è un vero gioiello d’arte neogotica; l’edificio risale al periodo aragonese (XII-XIII secolo), Federico III, re di Sicilia, scappato da Palermo a causa dei conflitti con gli Angioini, decise di iniziarne la costruzione in segno di gratitudine per l’ospitalità ricevuta a Erice. Il Real Duomo è un chiaro esempio di come possano coesistere stili architettonici differenti: la struttura principale mantiene lo stile gotico originario con l’interno decorato a mosaico, la facciata esterna e il rosone sono, invece, di stampo catalano. Di fianco fu eretta anche una torre di avvistamento che oggi funge da campanile: salendo “solamente” 108 gradini è possibile ammirare la pianura e il golfo da ogni angolazione.

Un secondo itinerario, particolarmente apprezzato dagli appassionati di fotografia, comprende la visita al Castello di Venere. L’edificio sorge sui resti dell’antico tempio della dea della bellezza e offre una vista mozzafiato: si possono ammirare l’altopiano a terrazza sul mare, Valderice, Trapani e il Monte Cofano, oltre il quale c’è la rinomata località turistica di Castellammare del Golfo. Per coloro che possono trattenersi fino a sera il tramonto sull’arcipelago delle Isole Egadi è un appuntamento imperdibile.

La via dei sapori e delle tradizioni non è segnalata negli opuscoli informativi, ma il consiglio è quello di effettuare qualche modifica al percorso e lasciarsi guidare dai profumi e dai colori. E allora il turista goloso, inebriato dal profumo di pesce, non potrà mancare l’appuntamento con il tipico cous cous trapanese (in Nord-Africa è solitamente condito con la carne) e concludere la giornata con la genovese ericina, un dolce di pasta frolla ripiena di crema o marmellata di zucca.

Prima di varcare Porta Trapani e salutare Erice, prendetevi un minuto per recitare i versi di D’Annunzio della lirica La notte di Caprera con la speranza di tornare in questo piccolo compendio di storia:

E l’altro monte, e l’altro monte ei vede,

l’Erice azzurro, solo tra il mare e il cielo

divinamente apparito, la vetta

annunziatrice della Sicilia bella!

Fonti:
Foto: Informazioni presa da:

I contenuti di questo sito sono realizzati da studenti e giovani appassionati del proprio territorio. Questo progetto non persegue nessuno scopo di lucro. Pertanto se sono presenti errori o imprecisioni vi preghiamo di contattarci: qualsiasi feedback ci è utile per migliorare. I contenuti testuali sono di proprietà dell'Associazione "L'oppure", ad eccezione delle citazioni o delle trascrizioni di testi altrui. Chi intenda utilizzarli per scopi non commerciali può farlo citando come fonte l'Associazione "L'oppure". Qualora si voglia riprodurli per scopi commerciali, vi preghiamo di contattarci alla mail info@loppure.it.